Un Cerotto-Vaccino per vincere il Coronavirus. PittCoVacc una scoperta Italiana all’Università di Pittsburgh. Luca Vincenti Blog

vai alla versione tradotta in lingua romenùa 🇷🇴

„Il Vero Progresso è fare della Scienza lo strumento al servizio di Tutta l’umanità, e non l’Arma in mano ad alcuni per distruggere gli altri.

Questa è la guerra„.


«Dal libro l’Anno del Topo»
di luca vincenti

Copyright© 2020 Luca Vincenti All Right Reserved. 

13 Aprile 2020


E’ una scoperta di un ricercatore italiano, precisamente del Prof. Andrea Gambotto dell’Università di Pittsburgh, il primo possibile vaccino che potrebbe realmente combattere il Nuovo Coronavirus

PittoCoVacc – così è stato chiamato dai ricercatori – è un mini cerotto capace di produrre “anticorpi in 2 settimane… un tecnica straordinaria sottolinea l’infettivologo Bassetti (direttore dell’unità delle malattie infettive del Policlinico San Martino).

Il progetto nasce in seno ad un centro di eccellenza per le nuove malattie emergenti. Parliamo della rinomata università di Medicina di Pittsburgh, ove il Professore Gambotto svolge da anni una prolifica attività di ricerca.

Il cerotto-vaccino ha dato nei primi test risultati già molto incoraggianti. Sui topi funziona, ma sull’uomo che garanzie abbiamo?

Il ricercatore di origine pugliese spiega che il Covid19 agisce attraverso una proteina denominata Spike, che penetra nelle cellule infettandole. Il vaccino è in pratica una mini iniezione sottocutanea che avviene indolore attraverso un cerotto con aghi sottilissimi capaci di veicolare una ridottissima quantità di questo virus riprodotto in laboratorio. Questa piccolissima concertazione del virus sottopelle permette all’organismo ottenere una graduale e corretta  reazione immunitaria.

Il Professore spiega che questo vaccino è estremamente pratico perché “ognuno se lo può somministrare da solo”, è semplice nella sua applicazione basta pigiarlo sulla pelle.

Quali sono i tempi di attuazione dei test sull’uomo per verificarne l’efficacia?

Il ricercatore italiano fa sapere: “noi speriamo nel giro di 1-2 mesi poter incominciare la sperimentazione e sperare che il vaccino funzioni anche nell’uomo”.

Come avviene la somministrazione?

Si tratta di un piccolo cerotto adesivo con 400 micro-aghi finissimi disposti su una superficie di circa 2 cm. Il cerotto è da apporre su un polso, su un braccio o sulla spalla e dopo 3-4 settimane il nostro organismo dovrebbe riuscire a produrre un livello sufficiente di difese immunitarie tali da combattere il coronavirus.

Chi è Andrea Gambotto?

Lo scienziato italiano era stato già noto alle cronache internazionali poiché assieme  Louis Falo di UPMC (University of Pittsburgh Medical Center) nel lontano 2003 lavorava al vaccino di altri due coronavirus: quello della SARS del 2003, e poi a quello della MERS del 2014. Le ricerche sul vaccino vennero abbandonate perché i virus si eclissarono da soli.

COPYRIGHT© 2020 LUCA VINCENTI ALL RIGHT RESERVED.

Lasă un răspuns

Completează mai jos detaliile tale sau dă clic pe un icon pentru a te autentifica:

Logo WordPress.com

Comentezi folosind contul tău WordPress.com. Dezautentificare /  Schimbă )

Fotografie Google

Comentezi folosind contul tău Google. Dezautentificare /  Schimbă )

Poză Twitter

Comentezi folosind contul tău Twitter. Dezautentificare /  Schimbă )

Fotografie Facebook

Comentezi folosind contul tău Facebook. Dezautentificare /  Schimbă )

Conectare la %s

%d blogeri au apreciat: